Quello che Obama voleva sentire

Sono usciti dei sondaggi molto importanti che riguardano due stati chiave nella corsa alla presidenza: Florida e Ohio. Sono stati che valgono molto e sono “swing-states” ovvero stati che tradizionalmente vanno da una parte e dall’altra a seconda del candidato.

La Florida è lo stato che ha consegnato a G.W. Bush il suo primo mandato, quando, anche grazie alla famosa (e dubbia) sentenza della corte suprema, sconfisse Al Gore, per dire. E nessun repubblicano ha mai vinto le elezioni senza vincere l’Ohio.

Bene, per quanto vale oggi (senza che ancora ci siano state le primarie repubblicane) Obama vincerebbe sia in Ohio che in Florida contro Perry e Cain a mani basse. Contro Romney sarebbe davanti in Florida e sarebbero praticamente appaiati in Ohio.

“Speranze” repubblicane

Herman Cain risulta primo in un altro sondaggio (NBC/WSJ, mica gli ultimi arrivati) dopo il dibattito in cui ha ripetuto fino alla nausea il suo piano di riforma tasse “9-9-9” che prevede:

a flat 9 percent individual income tax rate, a 9 percent corporate tax rate and a 9 percent national sales tax.

Ora anche il New York Times si chiede se questo assurdo candidato (che ha raccolto pochissimi soldi fino ad ora) abbia delle possibilità. Nessuno crede ne abbia, ma il fatto che gli elettori repubblicani continuino a cambiare idea ci dice che tra i candidati non ci sia nessun fuoriclasse e che ci vorrà davvero un terremoto politico per battere Obama, pur con l’economia nello stato in cui è.

Per inciso, il Presidente ha raccolto negli ultimi 4 mesi $42 milioni, cifra di gran lunga superiore a qualsiasi candidato repubblicano e, sempre in un sondaggio NBC/WSJ uscito oggi, è dato 2 punti davanti a Romney. Va segnalato, peraltro, che l’ultimo sondaggio autorevole in cui Obama è dato perdente contro un repubblicano (e il repubblicano è Romney) è uscito il 3 ottobre.

Help from Jersey contro Obama

Mentre le primarie repubblicane offrono scenari sempre più assurdi, con Hermain Cain, un tizio fuori di zucca, ex C.E.O. di Godfather’s Pizza, che dopo il dibattito di ieri viene dato da un sondaggio PPP avanti di ben 8 punti rispetto a Mitt Romney (cosa che se uno non la vede non ci crede), Romney, che rimane comunque il più probabile vincitore della nomination, riceve l’endorsement più ambito nel GOP, quello di Chris Christie, il grosso, grasso, governatore del New Jersey, che in molti avrebbero voluto in corsa in prima persona.

Del soggetto si era già parlato qui e per Romeny questo e` un bel colpo, come spiega il NYT. Christie offre garanzie politiche, popolarità, una faccia che piace agli americani e soprattutto donatori. Quelli che avrebbero finanziato la sua campagna (ed erano tra i conservatori con le valanghe di dollari da investire) adesso dovrebbero investire su Mitt, il mormone, che e` comunque quello tra i repubblicani con le maggiori possibilità di battere Obama.

Detto questo, i sondaggi danno Romney e Obama più o meno appaiati e, a meno di suicidi politici, e` difficile credere che l’attuale Presidente venga sconfitto. Un po’ perché nei dibattiti Obama e` un fuoriclasse e Romney, che contro Perry sembra un fenomeno, non e` certo quello che ti fa sognare. Un po’ perché Romeny non può attaccare Obama sul grande cavallo di battaglia dei repubblicani, ovvero Obamacare, visto che la riforma sanitaria si e` ispirata molto a quella che Romney fece passare nel Massachusetts quando ne era governatore. Un po’ perché Obama e` complessivamente un miglior candidato rispetto a Romney e per di più ha il vantaggio di essere Presidente uscente (negli Stati Uniti, nella storia recente, sono stati pochi gli “one-term-Presidents” ).

Insomma, se l’economia non peggiora nettamente, se Gheddafi non riconquista la Libia, se non si scopre che Bin Laden e` ancora in Pakistan vivo e vegeto, per i repubblicani forse bisognerà aspettare il 2016.

Il costo dello studio

Io sono solito studiare in biblioteca. Lo faccio perché a casa, tra internet, televisione, frigorifero, telefono and so on non riesco a concentrarmi. In tanti condividono questa situazione e preferiscono studiare nelle biblioteche piuttosto che a casa. Infatti questi luoghi sono sempre affollati e spesso, in certi orari, è molto difficile trovare anche solo posto a sedere, a dimostrazione che la domanda esiste.

La domenica, però, è sempre un dramma. Questo perché la mia università, come il comune di Milano come tutte le altre università (eccetto una, ma dopo ci arrivo) hanno deciso che la domenica è un giorno in cui le biblioteche devono rimanere chiuse, diversamente da quanto succede nel resto del mondo.

Premesso che per quanto riguarda la mia università, la Bocconi, si tratta di un problema interno e difficilmente risolvibile in quanto ente privato (ciò non toglie che sia a maggior ragione scandaloso a fronte della retta pagata) e premesso che comunque la mattina della domenica, in Bocconi ci sono dei posti studio aperti (pochi), con gli enti pubblici, in particolare quelli comunali, non si può essere così transigenti, o meglio si può provare a fare qualcosa. Perché si, gli studenti studiano anche di domenica e perché si, è un dovere delle istituzioni pubbliche fornire servizi che vengano incontro ai cittadini.

Questo onda evitare che l’unica biblioteca aperta la domenica pomeriggio a Milano, quella di architettura del Politecnico, in via Ampere 2, possa continuare a far pagare l’accesso agli studenti non del Politecnico 5 euro. Che sono tantissimi. Che sono un calcetto, un mostra o quasi un cinema. Ovviamente, essendo gli unici a fornire il servizio, possono permettersi questi prezzi assurdi offrendo in cambio, sostanzialmente, un tavolo, una sedia e silenzio (gli studenti non del Poli, infatti, non possono neppure accedere al wifi). Basta una lezione di microeconomia per sapere che se le biblioteche comunali fossero aperte quelli di Architettura non potrebbero tenere questi prezzi e, qualora decidessero di mantenerli, nessun “esterno” fruirebbe più del servizio.

Milano è una città europea (o si avvia ad esserlo). A Milano abbiamo una giunta attenta ai problemi degli studenti e delle esigenze di chi vive in città. Milano è un polo universitario molto importante in Italia e le università milanesi accolgono studenti da tutto il mondo. Questo, alla città di Milano fa comodo. Perché l’economia gira anche grazie agli studenti universitari, perché le università, per una città sono un asset importante.

Ora è necessario che Milano dia qualcosa indietro a coloro che scelgono di studiarvici. Non è più accettabile, né tollerabile tenere chiuse le biblioteche comunali la domenica. Gli studenti di Milano lo esigono e lo meritano.

Sono sicuro che il sindaco e la giunta, una volta considerato il problema capiranno. Intanto, facciamo sentire la nostra voce.

 

I giovani e le pensioni

Io penso che il discorso sulle pensioni e il mercato del lavoro sia oggi la vera differenza tra il vecchio e il nuovo e la vera sfida della sinistra. Perché la sinistra e` sempre stata la parte dell’uguaglianza (non lo dico io, lo dice Bobbio, lo dicono in tanti), anche se in passato, forse, non si e` sempre ben inquadrato cosa fosse l’uguaglianza.

Ad ogni modo, uguaglianza è, secondo me, il diritto sacrosanto di partite tutti con le stesse opportunità: è la partenza che conta, non l’arrivo. Quello che la sinistra e i sindacati hanno faticato a capire, nel corso della storia, non è stata, quindi, l’importanza e la centralità dell’uguaglianza nel discorso politico, ma il suo significato. Si è ignorato un concetto fondamentale: che non c’è uguaglianza senza merito.

Fatta questa premessa mi chiedo e chiedo a chi è più esperto di me. C’è uguaglianza in una nazione dove la maggior parte degli under40 sono disoccupati o sono precari e la maggior parte degli over40 ha un posso fisso, un contratto a tempo indeterminato e una pensione sicura? C’è uguaglianza in una nazione in cui il sindacato più importante del paese si preoccupa solo ed esclusivamente di preservare i diritti e i privilegi di chi e` iper-tutelato e si dimentica, letteralmente, dei giovani precari e disoccupati? Perché io mi ricordo molte manifestazioni per non alzare l’età pensionabile o per difendere i diritti degli statali, ma scioperi generali o manifestazioni nazionali indette sul problema del lavoro per i giovani ne ricordo molte meno. Di soluzioni soddisfacenti, invece, proprio nessuna.

Continuo: C’è uguaglianza in una nazione dove una generazione, che non arriverà mai alla pensione per un sistema previdenziale, insostenibile alla lunga (checché ne dica il Corriere), deve pagare (non lavorando) il lavoro di chi ce l’avrà? C’è uguaglianza in una nazione dove i diritti di alcuni sono iper-tutelati e diritti di altri completamente dimenticati? E soprattutto: c’è uguaglianza in una nazione dove una generazione, che non potrà permettersi le pensioni dei propri padri (e delle proprie madri), dei propri nonni (e delle proprie nonne), possibili solo grazie a politiche del debito assurde e sconsiderate, debba oggi ritrovarsi non solo a pagare quel debito, che danneggia l’economia del nostro paese e non permette di creare nuovo lavoro, ma debba anche ritrovarsi senza lavoro per colpa di esso? Siamo in un paese dove c’è uguaglianza?

Io chiedo al sindacato, ai sindacati: perché non si può accettare un mercato del lavoro più flessibile, in cui, é vero, sarebbe più facile essere licenziati, ma in cui sarebbe molto più facile essere assunti? Un mercato del lavoro in cui il precariato, nella forma umiliante in cui lo conosciamo, avrebbe finalmente fine? Perché io faccio notare che un mercato del lavoro più flessibile, accompagnato da un sussidio di disoccupazione sul modello belga, per esempio, non è sono europeo (in Europa è ovunque più flessibile che da noi e anche la Bce ci chiede di adattarci a questi standard), ma vuol dire anche scommettere su sé stessi e vuol dire tornare a far girare l’economia. Un mercato del lavoro più flessibile, poi, vuol dire premiare il merito: soprattutto per il sud è una grande opportunità.

Il posto fisso, noi under30, non ce l’avremo mai. Possiamo lamentarci oppure possiamo accettare che il mondo è cambiato e adattarci di conseguenza. Io scelgo di adattarmi; voglio competere con i miei coetanei per il posto che penso di meritare, per cui è mio diritto competere (ed è compito dello stato garantirmi il diritto di studio, per esempio, che mi permetta di poter competere per un determinato posto di lavoro), ma che non è mio diritto avere se c’è uno più bravo di me.

Quindi, chiedo al sindacato e a una parte di sinistra: oggi c’è uguaglianza tra giovani e meno giovani? Queste due categorie hanno gli stessi diritti e le stesse opportunità? Sono ugualmente tutelate e rappresentate?

E ancora, per quale motivo al mondo un giovane oggi dovrebbe non volere un mercato del lavoro più flessibile (visto che con un mercato del lavoro rigido lavoro non ne trova)? Per solidarietà e per osservanza dei prisci mores?

Noi giovani non vogliamo togliere il lavoro a chi è più anziano di noi, vorremmo solamente avere un lavoro, pure noi. Il sindacato si è sempre schierato, storicamente, con le classi più deboli. Si faccia un esame di coscienza e ci dica se è così anche oggi.

E la finiscono di dire che la nostra è solo una questione e una battaglia anagrafica: la nostra e una battaglia di merito e uguaglianza, due cose che in Italia non ci sono mai state e che vorremmo iniziare ad avere pure qui.

Verso le primarie di Palermo e oltre

Da queste parti si sostiene Davide Faraone alle primarie per eleggere il candidato del centrosinistra a Palermo.

Faraone ci piace, non solo perché ha avuto il coraggio e la dignità di dimettersi dal consiglio comunale in segno di protesta nei confronti di un Partito Democratico Siciliano che sembra sempre più tutto fuorché un partito democratico, ma perché ha delle idee intelligenti su cosa deve essere Palermo, la Sicilia e su quello che ci vuole al sud, nel PD e perché ci da` l’impressione che qualcosa, finalmente, si muova anche al sud. Insomma, più “Faraone” e meno “Bassolino”, per intenderci.

Quindi, amici palermitani, votatelo e dategli una mano e, invece, amici non palermitani, segnatevi questo nome, perché e` uno che merita di essere ascoltato e conosciuto.

Non corre

Il New York Times e molti altri (tra cui Camillo) sostengono che Christie non correrà, obbligando i repubblicani a dover scegliere tra Perry, Romney e gli altri luminari. In ogni caso alle 19 ore italiane sapremo avremo la conferma ufficiale.

Update: Christie non si candida. Obama avrà tirato un bel sospiro di sollievo.