Tranquillo, Beppe, tranquillo Marco, vi spiego io come funziona

Beppe Grillo dice:

“Vincere gli Europei significa la prescrizione da parte dell’opinione pubblica di qualunque reato”.

E Marco Travaglio dice cose simili. Peccato che i due non abbiano capito che le sentenze o i verdetti dell’opinione pubblica non contano nulla. Allora solo perché qui siamo buoni, glielo spieghiamo noi per bene, come funziona.

Beppe, hai ragione, magari l’opinione pubblica, sulla foga di una eventuale (tocchiamoci) vittoria agli europei si dimenticherà che nel calcio ci sono anche dei mascalzoni che truccavano le partite (o magari no, ma non e` il punto). Il fatto e` (preparati Beppe per questa notizia clamorosa) che l’uomo ha scoperto da un po’ di anni a questa parte questo strumento e potere, chiamato “magistratura”, mediante il quale, anche se l’opinione pubblica si dimentica che in giro ci sono dei mascalzoni, possiamo tutti stare tranquilli che, se questi si dovessero rivelare effettivamente mascalzoni, e questo succede tramite quest’altro strumento chiamato processo (eh lo so che sei deluso che in questi casi non si usa il televoto), questi suddetti mascalzoni vengono puniti lo stesso! Fantastico, non trovi?

Quindi tranquillo, Beppe, potresti comunque tifare Italia! (ma magari porterebbe male: nel 2006 dicevi le stesse cose e poi abbiamo vinto il mondiale).

Ah Beppe, lo spieghi tu a Marco il meccanismo?

hat tip: Claudio Cerasa

About these ads

4 pensieri su “Tranquillo, Beppe, tranquillo Marco, vi spiego io come funziona

  1. Ovvio che in uno stato di diritto la verità processuale sia indipendente dal dibattito pubblico. Ma la verità storica, che è altrettanto importante, non lo è. Quella deve accertarla l’opinione pubblica. Il problema non è che in Italia un’opinione pubblica non ce l’abbiamo?

    • Ok, ma cosa c’entra questo con l’Italia che vince gli Europei? Quello che dici ha anche senso, ma non credo che ne` Grillo ne` Travaglio intendano quello che dici tu.

      • Scusami, in realtà non ho esplicitato il mio punto. Se le cose stanno come dico sopra, vuol dire che una maggiore copertura di certi eventi da parte dei media può far sì che siano percepiti nel giusto modo (cioé come scandalosi). Se si insabbia tutto possono anche arrivare le condanne, ma quelle censurano sempre comportamenti privati e non contribuiscono all’etica pubblica di una comunità. “Il giornalista è lo storico del presente”, no?

      • Certo, sono d’accordo, i media devono dare copertura agli eventi importanti in ogni caso, ma non credo che se avessimo vinto gli europei sarebbe cambiato qualcosa nella copertura dei media sulle vicende di calcioscommesse e, anche fosse successo, la colpa non sarebbe stata della vittoria agli europei, ma dei media che non sono capaci di fare il loro mestiere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...