Labour Market Reform and Growth in Europe; a comparative analysis of Germany and Italy.

Amici, qui trovate la mia tesi sull’impatto delle riforme del mercato del lavoro sulla crescita in Europa.

Friends, you can hereby find my thesis on the impact of labour market reforms on growth in Europe.

Tesi di Master

 

On Scottish Independence and the concept of identity

Everyone who knows me is aware that I come from Milan. I love Milan and I am proud of my city and my city’s history. I try to encourage people to visit it and enjoy it, because it is far more beautiful than a lot of them imagine; I promote our cuisine, my favorite dish in the whole world is the Risotto alla Milanese and I always argue with my Austrian friends over the paternity of the Cotoletta alla Milanese, also known as Wiener Schnitzel (it is ours, debate over). I sometimes get emotional when I think about the Duomo and about biking during the first hours of the morning around the streets of the City Center. I love the fact that we are the Capital of Fashion, that we have the most famous Opera house in the world, La Scala, and that we also have La Scala of football, the San Siro Stadium, home of A.C. Milan (and another team whose name I always forget). “Milan, l’è on gran Milan”, “Milan, is the great Milan”, they say back home, and I am not shy to endorse this way of saying.

Milan is a city in northern Italy, but it used to be the center and capital of the Duchy of Milan. Before the times of the Duchy, it had been, briefly, the Capital of the Roman Empire. The Duchy of Milan has a great and proud history and many of the symbols of the city were created then, from the already mentioned Duomo, to the Sforza Castle, for example.

What I am trying to say is that Milan is a city with plenty of history, a tradition of independence and sovereignty and, most importantly, proud inhabitants.

What does all of this have to do with anything? The point I am trying to make is that it is possible to be proud of one’s own regional identity, history and culture without necessarily having to fight for independence or wishing for a return to a world that does not exist any longer.

So, as you may have guessed, what I am really trying to say is that the demands of Scottish independence are not any tiny bit more legitimate than any similar request that would come from the people of Milan or the people of many other other Italian cities, for the matter, or most regions or former Duchies in Europe. After all, if Luxemburg is a country, Milan could be one as well.

In 1707, the Scottish people, approximately the great-grandparents of the great-grandparents of the great-grandparents of any Scott born in 2015, voluntarily signed a treaty to create the United Kingdom and recognize the King or Queen of England as the legitimate ruler over what was then known as the Kingdom of Scotland. How one can cling so long to the idea that 1706 was much better than 1707 and every year since is a mystery to me.

This is not to say the issue of identity is insignificant or mockery material. As a European enthusiast, I realize that the issue of identity is a key one to address if further integration at the European level were to ever work.

The problem, however, is that the idea that each identity needs full sovereignty over a certain land is simply unfeasible. And undesirable. Problems arise when certain people feel they need to limit and restrict the concept of identity rather than broadening it as if they lived in a vacuum or when the idea that identity does not evolve over 300 years is considered acceptable.

After more than 300 years from the Treaty of Union, the people who inhabit the region of Scotland are British Scots, at least on a collective level: it is an undeniable fact. An argument could be made that they are actually Europeans from Britain, specifically from Scotland.

But name-calling is really not the point. The point is that being a proud Scott and celebrating Scottish history and culture, recognizing it, in a sense, does not imply the necessity to have a nation called Scotland, with its own foreign policy, defense policy and so on, as a testament that anyone who desires can be part of that history, traditions and legacy: this makes the Scottish state a whim, at best. Frankly, Scotland today, as in the region that is part of the United Kingdom, has already plenty of autonomy.

In any case, there may be a solution to all of this, after all. There is a solution for the Scottish people and the Catalans, for the Flemish people in Belgium and for Basques.

That solution is Europe. The answer to the problem of regional identities in European nations is further European integration in terms of foreign policy and defense; in terms of the establishment of real European Intelligence Agencies and a real European Police; in terms of giving the European parliament full legislative authority on certain specific matters; in terms of directly electing key European political figures, such as the President of the Commission and the President of the Council of the European Union.

If that happens, then, there can be Regions, such as Scotland and Catalonia, with high levels of autonomy, from tax collection, to social security, to whatever else, in full respect of their own identity, history and culture. At the same, all these different truly amazing, proud and rich cultures and identities add up to form another bigger common identity: the European identity.

There is nothing wrong with being multiple things. No law says that having multiple identities is not allowed. Being Milanese, but also Italian and European, in whatever order, in my case, is permitted. Maybe it is time for many of the inhabitants of Scotland to realize that being British as well as Scottish as well as European is a thing that takes nothing away to their being Scottish.

It may actually be an improvement. As my philosophy professor in High School taught us the first week of class: philosophy was born in Greece when the Greeks came in contact with the Barbarians and civilization clashed. From different cultures and identities came some of the greatest thinkers and ideas in human history.

Finally, it is worth mentioning that this would have never been such a potentially devastating issue had Mr. Cameron not used such a sensible item for his own political gain. In October, I wrote an article with James Lees, ahead of the referendum and we got it right:

“In Mr. Cameron’s thinking, the issue of Scottish independence could be addressed once and for all [with the referendum -ed], while he could be hailed as a truly democratic leader, not afraid to let ‘the People’ decide their own fate. Furthermore, the vote on Scottish independence could have locked up his re-election campaign for 2015, suggesting that the decision may have had an internal, political motive. It is no secret that Scotland is a strongly pro-Labour stronghold, and Ed Miliband would need the region’s support in order to defeat the incumbent Prime Minister. Mr. Cameron believed that a vote on Scottish independence could gain him some popularity among nationalist voters and, even more importantly, undermine the support for Labour in the region. This strategy seems to have partially worked: even though Tories have not racked up much support in Scotland, Labour seems to be losing a good deal of its own. In an October 2014 poll, support for the Scottish National Party had reached a historical peak of 52%, meaning they could feasibly win 54 seats in the British parliament [they won 56 -ed], leaving Labour with only 4 in the region—an historical low. With these numbers, it is extremely hard to imagine that Mr. Miliband could become the next Prime Minister, unless he forms a coalition government with the SNP.”

Mr. Cameron made the Scottish people believe that they could go back to the world of 1706. He did it to break up the Labour Party and may have broken the Union for good in the process. And he is not stopping there, as the issue of Scottish independence will explode again with the referendum on British membership in the EU, if it will not reemerge sooner, with 56 members of the Scottish National Party in the House of Commons.

In conclusion, strong identity is not a sufficient condition for independence and identity is not a static concept. It evolves, with experiences and integration. With encounters with people with different identities and, yes, even culture clashes. If it is used as an excuse to regress, exclude and restrict, if it is used as an excuse to create boundaries and erect literal or metaphorical walls, I have just one thing to say: do it in the privacy of your own home. Furthermore, everything would be so much better if politicians acted as statesmen, instead of fueling issues that should not even be on the table for their own personal good.

I am not ready to go back to 1706. Please, wake up.

 

The Future of the European Union – European Students Conference @ Yale

On February 13-14, I will be in Yale for the European Students Conference. It will be a fantastic opportunity to meet new people, students, scholars and policy-makers, to discuss the future of the EU.

The European Union must decide what it wants to do when it grows up. We are finally understanding how the dream of our funding fathers of greater integration is more essential now than ever. Because of this, I have stated multiple times that the necessity for a European federation and for greater integration is today more a “must” than an “option” and it should be more a matter of “when” than “if”. Arguments that this is the case could be made both from a realist/neorealist perspective of International Relations and from a liberal one, they go across political affiliations as well as national boundaries.

What the EU will be in a couple of years unfortunately we do not know. What we can say without a doubt is that it will not be the same way it is today. We are witnessing the weakness of the institutional and political status quo in finding feasible solutions for the crisis in Ukraine, which is showing how our foreign and defense policies should be more united than ever. We are witnessing our inability to find common ground on our Member States’ fiscal policies, on sustainability and growth. We are witnessing common problems, such as low growth rates and high (youth) unemployment, especially in some of our Member States, all issues which call for common solutions.

This, essentially, is why I will be in Yale this weekend:

From February 13 to February 14, 2015, eighty undergraduate and graduate students from US universities will gather at Yale University to discuss the future of the European Union, their personal contribution to a more successful Union, and the creation of a student think-tank for EU policies and affairs in the United States.

The overall goals of the conference are for students:

  • To develop a vision for the European Union concerning borders, transatlantic relations, an innovative economy, democratic participation and identity and solidarity in Europe.
  • To enter into a debate with distinguished professors, current and former EU policy-makers, and representatives of the European Commission.
  • To draft a concrete plan of action: How can each of us contribute to our vision in our own lifetime.
  • To form a student think-tank to continue the debate and follow up on our vision with initiatives at US universities.
  • To dedicate student creativity, ingenuity and time to build the future of the European Union.

If you want to know more about ESC, read the concept here.

Here is the list of speakers taking part in our works:

Screen Shot 2015-02-12 at 1.01.54 PM

Here is the Conference’s schedule:

Screen Shot 2015-02-12 at 1.05.00 PM

Screen Shot 2015-02-12 at 1.05.40 PM

And if you are interested in updates follow this blog, my twitter page and my Facebook page, the conference’s Facebook page or the hashtag #ESCatYale.

It’s about Europe, stupid.

What the Greek elections and their aftermath show is something that we have been noticing for quite a long time: in Europe, elections are not about the traditional debate between conservative and socialdemocratic/progressive parties. It does not really exist anymore, it is not about that. The main decision voters in the continent have to make, is not choosing between the traditional views of a moderate left and a moderate right, but rather what future do they see for Europe and which parties better reflect that. Europe is the only real Debate that actually matters and everything else is secondary. Elections are about something higher, in a sense. Hence, we should not be surprised if Angela Merkel’s CDU has formed a government with the Socialdemocrats; we should not be surprised if Democrat Matteo Renzi, in Italy, has formed a government with some members of the moderate center-right; we should not be surprised if the next British elections will be defined by the same debate and we should definitely not be surprised if the populist and radical left has more in common with some parties on the populist right, than with the moderate left, as we are witnessing in Greece. It is about EUROPE, on the rest parties will eventually find an agreement. And it is a good thing, moving forward. It gets us closer to further integration and to the federal state we so desperately need. We are witnessing a European-wide debate about Europe, so we are following elections in Greece as if they are are own (and we are reacting to terrorist attacks in Paris as if each and every one of us was directly attacked). And although politicians like Tsipras are either lying to their voters or really trying to destroy any hope of integration (Greece has received money it did not have, by promising something in exchange, which it does not want to give -the informal definition of moral hazard-), their actions are still part of The Debate, the only one that truly matters, as I have argued. But do not worry my friends, we will win this debate in the end. We will have a Federal Union. We will create the United States of Europe.

Un precedente pericoloso, un capriccio storico

Giovedì 18 settembre 2014 i cittadini scozzesi voteranno per decidere se diventare uno stato indipendente oppure rimanere parte del Regno Unito, come sancito dagli Acts of Union, del 1706-1707, con cui i parlamenti di Inghilterra e Scozia decisero di formare l’Unione, che oggi si è evoluta ed ampliata e conosciamo come Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (da qui in poi Regno Unito).

Il referendum è ufficiale, nel senso che il suo esito sarà riconosciuto sia dal governo del Regno Unito sia dal governo “regionale” scozzese, come sancito da un accordo raggiunto nell’ottobre 2012 tra il Primo Ministro scozzese, il “nazionalista” Alex Salmond, e David Cameron, il Primo Ministro del Regno Unito. L’accordo, noto come Accordo di Edimburgo, è stato firmato, oltre che dai i due primi ministri, dal vice-primo ministro scozzese, Nicola Sturgeon, e dal Segretario di stato scozzese, Michael Moore.

Ai tempi della stipulazione dell’Accordo di Edimburgo, la possibilità concreta che gli Scozzesi avrebbero votato “Yes” e si sarebbero resi davvero indipendenti sembrava follia. David Cameron decise, quindi, di stipulare l’accordo per due motivi. Il primo, era quello di concedere, una volta per tutte, l’opportunità agli Scozzesi di esprimersi democraticamente su questa questione, per -sostanzialmente- levarsela di torno. In poche parole: Cameron pensava che concedendo un referendum, in cui comunque il “No” avrebbe vinto in maniera decisa, la questione dell’indipendenza scozzese si sarebbe chiusa per sempre. Il secondo motivo che ha spinto Cameron a prendere questa decisione, convinto sempre della sicura vittoria del “No”, era invece puramente di interesse politico. Il primo ministro del Regno Unito desiderava conquistare popolarità tra gli indipendentisti scozzesi (la Scozia è un fortino di voti laburista, senza i quali Miliband e compagni si possono scordare di governare “ever again” il Regno Unito, o quel che ne resterebbe) e sbaragliare la concorrenza nelle elezioni successive. Sapeva che si sarebbe potuto giocare la carta dell’uomo che aveva concesso il voto sull’indipendenza in campagna elettorale, sapeva che, fosse andato tutto secondo i piani, nel 2015 avrebbe vinto le elezioni a mani basse e governato, questa volta, da solo. Peraltro, una simile motivazione spingerà Cameron a proporre un referendum entro il 2017 sulla permanenza della Gran Bretagna nell’Unione Europea. L’aumento di popolarità del populista di destra, anti-immigrazione e anti-europeista, Nigel Farage, rischiava, infatti, di erodere il consenso del partito conservatore di Cameron: l’ascesa dell’UKIP doveva essere tamponata ed ecco quindi il referendum. Insomma, una prima valutazione da dare è che David Cameron ritiene davvero che referenda di questa portata, con le loro implicazioni globali, siano strumenti da usare per meri fini di politica interna, un comportamento inaccettabile e irresponsabile.

Ma sorvoliamo questi aspetti un attimo, anche perché la carne al fuoco è tanta, e lasciamo da parte la questione, pur non del tutto secondaria per questa discussione, del referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’EU, e cerchiamo di rispondere alla seguente domanda: cosa implica il referendum di giovedì prossimo per la Scozia, per il Regno Unito e per il “resto del mondo”? Rispondiamo partendo da un altro quesito:

Conviene alla Scozia?

La mia risposta e quella di molti non-scozzesi (ma anche di molti scozzesi -casualmente, in particolare, di quelli laureati-) è che no, alla Scozia decisamente non converrebbe diventare uno stato indipendente. Il sogno platonico venduto da Salmond, ovvero quello di Scozia capace di essere un po’ la Norvegia, grazie ai giacimenti petroliferi nel Mare del Nord, un po’ luogo estremamente competitivo a livello fiscale, quindi capace di attrarre la grande finanza e le grandi corporation (facendo concorrenza a quello che resterebbe della Gran Bretagna e all’Irlanda) è appunto un sogno platonico. La Norvegia ricava dai propri idrocarburi circa dieci volte tanto quanto è in grado di ricavare oggi il Regno Unito e peraltro i pozzi si stanno esaurendo (Salmond dice che, invece, ci sono un sacco di pozzi nuovi che richiedono tecnologie avanzatissime, ma che permetterebbero di raddoppiare la quantità giornaliera di greggio estratto, senza, tuttavia, specificare, per quale motivo non siano stati utilizzati fino ad oggi, dato che è così semplice, e come pensa di fare per aumentare concretamente la produzione di greggio). Senza i pozzi, alla Scozia rimarrebbe ben poco: la “grande industria” non esiste praticamente più e la produzione di Whiskey, da sola, non rende il progetto del “faccio da me” particolarmente sostenibile. Un’idea vincente poteva, quindi, essere quella di attrarre le grandi corporation straniere, attraverso una tassazione favorevole e investendo nel settore dei servizi; in particolare l’idea di “rubare” a Londra, nella visione grandiosa di Salmond e dei nazionalisti scozzesi, la grande finanza e a Dublino le sedi europee di Facebook e Google (semplificando), non era poi così stupida. Purtroppo, vi renderete conto che si tratta davvero di un sogno irrealizzabile. Per vari motivi, peraltro. La grande finanza non lascerà mai Londra, anzi pare che Royal Bank of Scotland e Lloyds, banche con sedi ad Edimburgo, abbiano già pronto un “contingency plan” per trasferire i propri headquarters, in caso di vittoria del Sì, proprio in Inghilterra e non vedo davvero il motivo per il quale Google o Facebook debbano spostare i propri main offices europei da Dublino ad Edimburgo.

Specie per un dettaglio, anzi due, non da poco. Per prima cosa c’è la questione della moneta. Salmond continua a dire che la Scozia terrà la Sterlina, anche se Bank of England e il cancelliere dello scacchiere, Osborne, hanno detto più volte che non è affatto certo che sia compatibile con l’idea di sovranità immaginata da Salmond e che comunque non sarebbe una cosa semplice da organizzare (bisognerebbe mettere in piedi un’unione monetaria, senza aver chiaro cosa questo implichi dal punto di vista fiscale, doganale, delle norme sul lavoro e dimenticando che la BoE dovrebbe agire da “lender of last resort”, anche per uno stato, a quel punto, straniero). Se tutto questo vi sembra complicato (specie in un contesto europeo), il flip-flopping dei nazionalisti scozzesi sulla questione monetaria vi apparirà praticamente surreale. Salmond e i suoi compari hanno, infatti, passato anni a condannare la sterlina e a dirne peste e corna, additando la moneta come una delle cause del declino scozzese e un cappio al collo dei poveri imprenditori di Edimburgo, costretti ad operare con una moneta troppo forte. Oggi, resosi conto che la situazione non sta proprio così, Salmond sta facendo di tutto per potersi tenere la tanto vituperata moneta (e non si capisce perché Londra dovrebbe concederglielo).

L’altro dettaglio è legato all’Europa, in particolare all’ingresso scozzese nell’Unione Europea. Salmond dice di volerne far parte (ottimo, a noi europeisti fa molto piacere sapere di questo forte sentimento comunitario tra i nazionalisti scozzesi) eppure, anche in questo caso, la questione è tutt’altro che semplice. Se la Scozia entrasse automaticamente nell’UE e tenesse la Sterlina questo implicherebbe che all’interno della stessa Unione Europea esisterebbero due diverse unioni monetarie. Se questo vi sembra un non-problema (a me pare che sia potenzialmente un problema enorme) ci sarebbe, invece, la questione dell’iter (lungo) per permettere a qualsiasi nuovo stato di entrare a far parte dell’Europa unita. Barroso prima e Juncker poi hanno, pur in maniera poco chiara ed ambigua, sostenuto che perché la Scozia indipendente diventi il ventinovesimo stato membro dell’Unione Europea, essa dovrebbe passare per l’iter a cui devono sottoporsi tutti i nuovi stati intenzionati ad entrare nell’Unione. Questo iter richiede il consenso di tutti gli attuali stati membri e la probabilità che la Spagna non si opponga ad un eventuale ingresso scozzese sembra, ad oggi, davvero bassa. L’ingresso di Edimburgo nell’UE non si tratterebbe, quindi, di un automatismo ed è quindi sicuramente pura fantasia la visione scozzese, secondo cui la neonata grandiosa nazione riuscirebbe ad attrarre business e capitali che ora stanno altrove.

Ma perché allora tutta questa voglia di indipendenza? E quali argomentazioni a favore potrebbero reggere?

Prima di tutto va ammesso che in Scozia le cose effettivamente non vanno bene. La Scozia non è particolarmente ricca o particolarmente felice e gli scozzesi si sentono messi in secondo piano dal governo di “Londra Ladrona”. La risposta emotiva e la voglia di staccarsi si può quindi riassumere e semplificare in “it can’t get any worse -heck why not try this-“. Valutazione, tuttavia, rischiosissima ed estremamente pericolosa, in particolare perché difficilmente reversibile, specie se intinta del mito romantico dell’identità scozzese e della diversità, per non dire presunta egemonia culturale e linguistica, vantata dai Braveheart à la Salmond su quella dei terribili “sassenach”, gli inglesi.

A questo punto le argomentazioni favorevoli al Sì, a ben vendere, diventano di carattere “culturale”. “La Scozia ha una sua storia e una sua tradizione, diversa da quella degli altri membri dell’Unione, è giusto che sia indipendente”, sembrerebbe, infatti, essere una argomentazione anche sensata per sostenere l’indipendenza: “siamo diversi!” gridano in coro gli Scozzesi, “quindi meritiamo uno stato!”.

A questo punto diventa interessante capire chi siano oggi gli Scozzesi. Soprattutto, se questa tradizione, storia, se questi valori sono sopravvissuti per 307 anni dall’Unione con l’Inghilterra, unione che ha reso il Regno Unito uno dei paesi più ricchi e potenti del mondo, che bisogno ci sia di tornare ad una Scozia indipendente rimane un mistero (senza dimenticare che la Scozia gode di un enorme livello di indipendenza, già allo stato attuale). Lo confesso, a me pare un capriccio. Mi pare un capriccio dettato da un mito tramandato che 307 anni dopo l’ultima volta della Scozia indipendente non ha più senso di esistere. Nessuno nega che esista una lingua ed una storia particolare e “diversa”, ma quella, cari Scozzesi, ce l’hanno in molti, senza piangere la necessità di uno stato indipendente per renderle onere e memoria. Milano aveva la sua corona, Ferrara la sua, Firenze anche, eppure sono passati secoli da quei giorni senza che nessuno, a parte qualche folle, senta la necessità di ricreare tre stati indipendenti (ed insignificanti) come quelli. Perché la Scozia deve essere diversa? Forse, perché in questo momento storico preciso i capricciosi sono intorno al 50% della popolazione della zona? Non mi pare sufficiente. E poi vorrei anche far notare che in 300 anni di storia, di Scozzesi purosangue (scusate il termine), che possano, quindi, rivendicare un filo diretto con quell’identità e quella gloriosa tradizione, ne sono rimasti ben pochi. Per dire, la lingua gaelico scozzese è parlata dall’1.1% delle oltre 5 milioni di persone che risiedono nel “prossimo stato” e, peraltro, dopo 300 anni di unione definire chi sia un vero scozzese e chi no è tutto fuorché facile.

Scusate. Scusatemi se sembro maleducato e insensibile rispetto al nazionalismo e al richiamo della tradizione, ma a me non viene. Non mi viene normale giustificare coloro che inseguono paradigmi che appartengono al passato. E se è pure vero che la storia e i valori di un popolo vanno rispettati, lo è altrettanto che l’onestà intellettuale e uno sguardo realistico alle implicazioni di tutto questo andrebbero date. Voglio dire, nessuno impedisce agli Scozzesi, da membri del Regno Unito, di rispettare la propria storia e le proprie tradizioni, non mi pare che gli ultimi residenti di Downing Street abbiano messo al bando la Croce di Sant’Andrea. Anzi, hanno devoluto alla Scozia tantissime funzioni, in particolare dal 1999 ad oggi, tanto che si tratta di una regione che ha il proprio Primo Ministro, un proprio governo, un proprio parlamento.

Quindi, il discorso è che a tirar fuori valori e tradizione, a 307 anni dall’ultima volta che sono davvero esistiti gli Scozzesi indipendenti, e addurle a motivazioni ragionevoli per l’indipendenza si incorre in paradossi e complicazioni logiche, in un senso di quasi-ridicolo, che coloro che vivono nel mito e sono cresciuti con infusioni di nazionalismo e valori ormai un po’ datati non possono vedere, mentre chi vede queste cose dall’esterno, d’altra parte dovrebbe preoccuparsi.

…a meno che il referendum scozzese sia usato come strumento, come argomentazione “per far saltare il banco” (come molti dei sedicenti indipendentisti di tutto il mondo, che non hanno mai messo piede in Scozia, sembrano sostenere), piuttosto che per valutare quello che è meglio, in the long run, per la povera Scozia.

Ed è proprio questo il vero problema, il vero nocciolo della questione. Il referendum in Scozia ci interessa perché non si parla solo di Scozia, ma si parla di Catalogna, di Vallonia, di Paesi Baschi. Si parla di Kosovo e Serbia. Di Veneto e Sicilia. Forse si parla pure di Bergamo e Brescia. Di sicuro si parla di Europa.

Ma facciamo un passo indietro e cerchiamo di proseguire in maniera (più) lineare.

Conviene a quel che resta della Gran Bretagna permettere un simile referendum? Cosa deve sperare un inglese, un gallese o un nord-irlandese?

La Gran Bretagna è nei guai. Guai grossi. E il colpevole ha un nome ed un cognome: David Cameron. Il referendum, abbiamo visto e vedremo è davvero una pessima idea. Cameron ha chiaramente dato il proprio assenso per i due motivi sopra-citati, ma altrettanto chiaramente ha dato il proprio assenso solo perché la premessa era “vince il No a mani basse”. La premessa ora non tiene. Può darsi che vinca il No, anche se il trend è davvero preoccupante, ma anche perdessero gli indipendentisti per 51% a 49% la questione si potrà dire tutt’altro che chiusa. Anche e soprattutto perché Mr. Cameron ha creato un precedente storico. Un precedente che verrà rivendicato da chi, vincesse il No, tra cinque anni chiederà un altro referendum e poi tra altri cinque e poi… you get the idea. E come farà il successore di Mr. Cameron a non concederlo più? D’altra parte Cameron è stato definito “un vero democratico”; “uno che lascia decidere il popolo: un liberale”. Eppure, senza considerare il fatto che Cameron abbia creato un precedente non solo per sé, ma anche per altri (e ci arriviamo) è anche legittimo dire che decisioni come queste non vadano prese a botte di maggioranze risicate e che, anzi, non vadano prese proprio a seconda di sentimenti che, a quanto ne sappiamo possono essere temporanei e volatili. Direte voi: “ma che dici, allora non bisogna votare mai perché i sentimenti sono temporanei e volatili?”. No, non è che non bisogna votare mai, è che non bisogna mettere in discussione equilibri che funzionano tutto sommato bene da 307 anni. E` che la parrucchiera scozzese, che non ha idea di cosa implichi l’indipendenza della Scozia, non può essere la forza motrice di una decisione di questo tipo.

Ci accingiamo ad attraversare sentieri pericolosi “che cosa dovrebbe essere deciso in maniera referendaria?” “Democrazia diretta o indiretta?”. Questi discorsi meritano un capitolo a parte. Mi limito a dire che, a mio parere, decisioni di questo tipo non dovrebbero mai essere prese per via referendaria e che i referendum andrebbero usati esclusivamente per prendere decisioni sull’etica (forse): per il resto esiste la democrazia rappresentativa.

Ma, quindi, perché questo costituisce un problema per Londra?

Intanto, perché vincesse il Sì, non ci vorrebbe molto prima che il Galles e l’Irlanda del Nord, seguano l’esempio dei cugini scozzesi, ma anche, e soprattutto, perché vista da una prospettiva puramente britannica, il Regno Unito, senza la Scozia sarà più povero, più isolato, più indebitato (specie se non permetteranno l’uso della Sterlina allo stato neonato, che quindi non si accollerà la propria porzione di debito) e, soprattutto, meno forte a livello internazionale. Nell’Unione Europea, nella NATO, presso le Nazioni Unite (la Gran Bretagna è membro permanente del consiglio di sicurezza, ricordiamolo), il peso e l’influenza della Gran Bretagna sarà minore.

Cioè, capite la pazzia dietro alla mossa di Cameron? Ci perdono gli Scozzesi, ci perde anche il Regno Unito e ed è stato, per giunta, creato un precedente terribile.

Ma fin qui, “chissene frega”, direte voi, specie quelli a cui gli amici British non stanno neppure troppo simpatici. Una Scozia povera, debole ed isolata, indipendente da un Regno Unito privo di Union Jack, meno ricco e meno potente, potrebbero, tutto sommato, essere solo buone notizie!

Errato.

Quali sono le conseguenze fuori dal Regno Unito di Gran Bretagna?

Se ancora non ci si rende conto di quanto una Scozia indipendente sarebbe un problema, si è ciechi di fronte alla spinta imitativa che l’irresponsabilità di Cameron genererà: Catalani, Baschi e Valloni, per farvi degli esempi, già pretendono referendum simili. Persino in Texas si studia attentamente l’evoluzione delle cose. Il punto è che i rispettivi governi centrali non sono lungimiranti e illuminati (o stupidi, a seconda di come uno la veda) come quello di Cameron. Le conseguenze, quindi, potrebbero essere disastrose: se andasse bene, le sicure proteste sfoceranno in fortissime tensioni sociali pacifiche, se andasse male, in guerriglie (i terroristi baschi non se li ricorda proprio nessuno?). E poi ci sono i Sudtirolesi, magari, che realizzeranno di parlare prevalentemente tedesco e di star meglio per i fatti loro, secondo la logica del “perché loro si e noi no?”, specie se qualcuno dovesse eliminare (finalmente) il loro status “speciale”. E i Siciliani e i Sardi, magari, seguiranno a ruota, sulla spinta degli indipendentisti veneti. E poi dove ci si ferma? Perché in effetti, tra Bergamo e Brescia cambia tutto, le lingue sono storicamente diverse, le tradizioni pure, magari qualcuno dirà che sono diversi anche i valori e che lo stato di Lombardia è troppo grosso per tutti e due (bang-bang!). Magari dovremmo tornare alle città stato, argomentando la cosa travisando il pensiero di Alesina. “Che guardate che Alesina in un libro ha detto che gli stati piccoli sono meglio!”. Ovvio si esagera, ma pensateci un attimo. Come rispondere alla domanda del “dove ci si ferma?”. E come decidere democraticamente su questi temi e con quali consitituencies? Perché i confini sono mutati milioni di volte nel corso della storia e le tradizioni sono state tantissime e pure diversissime, ma nel 2014 non si sente l’esigenza di uno stato per ciascuna di esse. Ad ascoltare gli indipendentisti, il mondo, gli equilibri che si sono creati nei secoli andrebbero distrutti, tanto che andrebbe loro domandato se davvero vogliono “spaccare tutto”. E benché una risposta lecita, forse l’unica a questa domanda potrebbe essere “e allora distruggiamoli, questi equilibri, che non sta scritto da nessuna parte che essi debbano essere quelli di oggi”, faccio umilmente notare, che, almeno in Europa, questi equilibri hanno portato al periodo di pace più lungo dai tempi di Augusto (2000 anni fa) ed al periodo di maggiore ricchezza e prosperità della storia dell’uomo.

“Hai fatto un minestrone” direte! “Stai buttando dentro di tutto per non parlare dell’unica cosa che conta: l’indipendenza scozzese”.

Eh no, cari miei. Perché dovevano pensarci, David Cameron e il nazionalista Salmond, che non erano solo fatti loro e di chi insieme a loro abita quell’isolotto al di là della manica, questa storia del referendum scozzese. Specie in un mondo globalizzato, come il nostro, specie, e a maggior ragione, nel contesto europeo.

Quindi, come ne usciamo?

L’unico modo perché tutti questi moti indipendentisti e quindi nazionalisti possano trovare uno sbocco pacifico e accettabile, uno sbocco da “e vissero tutti felici e contenti” sarebbe stato ottenibile attraverso un’intensificazione del processo di integrazione politica a livello europeo. In un’Europa federale, in cui la politica estera, la difesa e alcune leggi federali fondamentali, sono comuni a tutti i territori dell’Unione, in un mercato veramente unico, anche del lavoro, con un sistema scolastico davvero integrato, ci sarebbe stato spazio per tutti. La Scozia, l’Inghilterra, la Catalogna, la Vallonia, il Belgio Francese, la Baviera e il Sud Tirolo, la Sicilia e la Sardegna, forse pure Bergamo e Brescia avrebbero potuto partecipare agli Stati Uniti d’Europa con la loro bandierina e rivendicazioni culturali. In un’Europa di quel tipo, in un’Europa federale ciascuno stato, valore e tradizione avrebbe potuto assecondare la propria identità, lasciando tuttavia alla Comunità la difesa degli interessi comuni. Perché, e questo è poi il discorso fondamentale, ci sono degli interessi comuni che sarebbe estremamente inefficiente difendere singolarmente.

Questo, tuttavia doveva essere fatto prima dell’eventuale referendum e non certo dopo. Se gli indipendentisti scozzesi, come quelli catalani, rimangono europeisti (parola loro), perché non hanno spinto in questo senso?

Il referendum scozzese ha, quindi, molto a che vedere con il futuro dell’Europa unita. Rappresenta l’ennesima occasione persa per guardarci negli occhi e decidere dove andare. L’Unione Europea, nella sua struttura attuale, non funziona. Non sappiamo decidere e tenere un fronte comune di fronte alle minacce che più ci sono vicine, non sappiamo agire in maniera unita per garantire la nostra difesa o il nostro fabbisogno energetico. Non sappiamo neppure se il Regno Unito stessa sarà ancora Europa tra qualche anno. E` arrivato, dunque, il momento della resa dei conti.

In questo senso, e qui il cerchio si chiude, il possibile referendum che si terrà nel Regno Unito entro il 2017 sulla permanente britannica nell’Unione Europea, rappresenta l’ulteriore vera minaccia al progetto comunitario descritto qui sopra e soprattutto tutta l’idiozia di Cameron, che giovedì, by the way, dovrebbe avere la dignità di dimettersi, qualunque cosa accada. Cameron ha deciso di ipotecare la stabilità politica del continente Europeo in uno dei suoi momenti più difficili: più che un vero leader democratico, a me pare che il Primo Ministro britannico abbia una visione davvero infantile del concetto di democrazia. Ad ogni modo, il peccato originale è ormai irreparabile, ora non resta che limitare i danni e avviare quel dialogo a livello europeo, whatever happens in Scotland, per capire meglio le regole dello stare insieme, nel rispetto delle tradizioni di tutti, ma anche facendo in modo che l’Europa non sia più colta alla sprovvista dai momenti di pazzia di un leader fuori controllo; soprattutto diventa necessario che la questione delle indipendenze venga affrontata in ottica europea, aprendo un dialogo per trovare soluzioni accettabili per tutte le fattispecie e ragionando sul futuro stesso dell’Unione.

 

In conclusione, davvero non so cosa accadrà tra qualche giorno, quando in Scozia andranno a votare. So che qualunque cosa accada, le conseguenze le sentiremo tutti e che, qualunque sia l’esito, a questo punto ci perdono tutti. Grazie, dunque, David Cameron: l’unica soddisfazione potrebbe essere quella di sapere che la storia ti ricorderà come il Primo Ministro che prese in mano il Regno Unito e lo restituì senza un pezzo.

 

Buon compleanno, DemSpeaking

Mi sono appena accorto che sono passati cinque anni dalla nascita di DemSpeaking. Da allora, sono successe tante cose e rileggendo molti dei post che ho scritto in questo quinquennio ho riflettuto su quanto io sia cambiato e di quanto, su alcune cose, non sono per nulla d’accordo con il me di qualche anno fa e di quante altre fossero invece davvero banali e poco interessanti. D’altra parte, in questi cinque anni, ho fatto a tempo a prendere una maturità classica, una laurea in economia, trasferirmi dall’altra parte dell’oceano per un Master e poi ho conosciuto tante nuove persone, fatto nuove esperienze, viaggiato, letto, ascoltato tutte cose che hanno necessariamente cambiato il mio punto vista e plasmato, ognuna a modo suo, il mio modo di pensare. E sarebbe preoccupante, se non fosse così.

Tutto questo, per dire che anche se adesso su questo blog scrivo poco o nulla e per quanto ogni tanto provi un pizzico di vergogna e pudore per alcuni pareri espressi in maniera così perentoria, quasi fossero verità assolute incontrovertibili, quando avevo 18 anni, DemSpeaking è un pezzo della mia vita, e crearlo è stato un modo bellissimo per formarmi un pensiero critico, imparare ad esprimere ed esporre pensieri personali in maniera tale che fossero comprensibili anche da chi mi sta intorno e soprattutto mi ha insegnato a capire che cambiare idea, mettere in discussione, dubitare, porsi delle domande le cui risposte con il tempo possono cambiare, in fondo, è proprio bello, perché significa, in sostanza, aver Vissuto.

Quindi auguri, DemSpeaking. Sono stati cinque anni belli, insieme.

Ma Pirlo in Nazionale fa davvero la mezz’ala come voleva Allegri?

Passatempo Mondiale

Con la Nazionale ormai uscita dal Mondiale rimane interessante analizzare la questione del ruolo in campo che Andrea Pirlo ha ricoperto in Brasile, specie viste le recenti dichiarazioni di Andrea, che potrebbe continuare magari fino a Francia 2016, e viste le voci che parlano di Massimiliano Allegri come possibile  nuovo commissario tecnico della Nazionale.

Ad ogni modo, la stavo aspettando. Stavo proprio aspettando da tempo la dichiarazione di Allegri che fa notare che Pirlo, nella Nazionale di Prandelli giocava mezz’ala, proprio il ruolo in cui avrebbe voluto schierarlo lui, nel suo primo anno al Milan. La dichiarazione è arrivata, insieme alla precisazione che non è stato lui ad averlo allontanato, prima che il più forte centrocampista della storia del calcio italiano si trasferisse alla Juve, ma fu una decisione della società. Allegri dice: Quando io lo schieravo da mezz’ala sembravo un matto, guardate invece dove lo schiera adesso Cesare Prandelli

In questo pezzo voglio evitare di polemizzare…

View original post 1.261 altre parole