“De Quaestio Merica”

Riciclo un post da me pubblicato su facebook, qui a fianco anche il link:  http://www.facebook.com/elianigris#/note.php?note_id=105922788556&ref=mf

Scrivo perche` in questi giorni ho letto molto sul provvedimento del comune di Milano di vietare la vendita di alcolici ai ragazzini sotto i 16 anni.
Ho riflettuto, ho cambiato idea piu` volte sulla questione. Sono arrivato ad una conclusione: il provvedimento e` giusto, anzi sacrosanto.

Non si tratta di proibizionismo, come scrive luca sofri, infatti, proibizionismo sarebbe anche, allora, non poter passare col rosso quando si guida, non poter superare i limiti di velocita`, insomma etichettare questa norma come proibizionista non sta ne` in cielo ne` in terra, sfido chiunque a dire che e` giusto servire un mojito ad un tredicenne.

Chi dice che questa norma non sara` attuabile e che, per questo, non sarebbe dovuta essere appovata, dice una cavolata mastodontica, costui non capisce che la legge deve stabilire norme il piu` corrette possibile, l’applicazione di queste e` un problema differente, ulteriore, concatenato, ma differente.
Un esempio: e` vietato fumare all’interno degli edifici di proprieta` dello stato, comprese le scuole. La violazione di tale regola e`, secondo legge, multata fino a 125 euro, eppure al Parini di Milano, dove ho un’esperienza diretta della situazione, fumano in molti sia fuori che dentro non essendoci nessuno a rispettare la medesima legge e le conseguenze sono totalmente nulle. Si e` arrivati ad una sorta di compromesso i fumatori fumano in cortile, ma quando piove “possono” anche fumare dentro. La cosa mi rattrista, in quanto non fumatore, mi rattrista che non sia rispettata la legge, ma e` per questo giusto dire che la legge e` da abrogare? E` forse giusto affermare che sarebbe meglio se la legge non ci fosse? Assolutamento no.

C’e` anche chi afferma che questa legge induce i piu` giovani a bere, per il “thrill” di commettere una azione illegae, dicono. Fandonie, dico io! Questo sarebbe vero se nessun tredici/quattordici/quindi

cenne bevesse, ma, dal momento che bevono tutti e che molti bevono fino a vomitare, credo che il problema non si ponga. Il fenomeno e` di dimensioni troppo grosse per tirare fuori la solita teoria della trasgressione, ai giovani non piace bere per trasgredire, piace bere perche` li fa sentire grandi, perche` si divertono quando dicono agli amici che si sono “fatti” quella o quello da ubriachi e perche` piace, c’e` poco da fare. La trasgressione e` un’altra cosa; a mio modo di vedere, trasgredire ha il fine di fare come un dispetto a qualcuno commettendo una stronzata: questo e` diverso. Qui si beve perche` diverte e perche` piace senza capire le conseguenze di questo stile di vita edonistico. (edonismo reganiano? :P)Io dico che la soluzione al problema, pero`, non puo’ essere solo questa, si impara a non esagerare se si hanno alle spalle delle buone famiglie, dei buoni insegnanti e, ancora piu` importante, buoni amici. Si imparara a non bere se si insegna cosa puo’ causare l’acool, ma l’insegante, in questo caso, non puo’ essere uno psicologo di cinquant’anni (con tutto il rispetto del caso), deve essere un giovane ventenne che racconti le proprie esperienze. Tutto questo, integrato alla legge, ridurrebbe il problema. (ma si sa il comune, almeno questa giusta in particolare, di pedagogia e rapporti con i teens non capisce una mazza, perche` pur con una legge giusta si e` inimicato l’intera gioventu` milanese).

Concludo dicendo, questa e` una buona legge, come gia detto va integrata con altro, ma ricordiamoci sempre che non siamo diventati stati uniti, per fortuna, dove l’acool non lo possono bere i minori di 21 anni. Li`, in quel caso, la legge istiga la trasgressione, questa assurda legge spinge gli americani ad ubriacarsi fino a vomitare ogni qual volta si parli di alcool e questa assurda legge ha attivato un business di fake id che e` vergognoso. (oltre a non permettermi di entrare nei locali anche senza bere, per senire bella musica)

Una piccola provocazione, alla luce di quanto detto, perche`, a questo punto, non legalizzare la marijuana ai maggiori di diciotto e vietare il tabacco ai minori di 16? sarebbe una win-win per tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...