Ascolto Caterpillar…

…e un prete  giovane e di grande valore (Don Luigi Epicoco, uno di quelli che un non credente come me pensa: “ecco se la chiesa fosse piena di gente come lui il mondo, la chiesa e l’Italia sarebbero un posto migliore”) parla di come non si stia facendo niente per le migliaia studenti che si trovano senza posti letto e luoghi dove seguire i corsi.

“L’Università` e` il motore dell’Aquila e nessuno sta facendo nulla. Ne avremo per mesi, forse anni, ma questo era un discorso che doveva essere fatto ad Aprile a Maggio non a Settembre. Bisogna avere il coraggio di lasciare un villaggio intero, di quelli nuovi, solo agli studenti.”

Come dargli torto? Ma poi chi lo trova questo coraggio? Tra tante costruzioni spot, macerie che ancora invadono le strade dell’Abruzzo, programmi televisivi spostati per scopi politici e sondaggistici, vergognose strumentalizzazioni, come possiamo dimenticare le tante persone ancora senza casa e i tanti studenti che non possono studiare? Siamo stufi, sono stufo.

Dice, don Luigi, che, mentre si pensava che questi giovani studenti sarebbero scappati dall’Aquila, essi sono tra i pochi ad “aver attaccato la sfida”; dice anche che tanti sono rimasti per ricostruire, per continuare a studiare a l’Aquila. Questi sono gli eroi antieroici di questo terremoto, gli eroi di cui i giornali non si occupano e che ora non possono, per colpa di un governo cieco, neanche studiare dove vorrebbero. Solo Caterpillar, con don Luigi Epicoco, ha dato una voce a questi giovani, queste sono le cose su cui dobbiamo ragionare.

Qui vi linko il Blog di questo giovane prete, se vi interessa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...