Don’t take it away from us

Le primarie. Secondo le regole previste dallo statuto del partito, il 25 ottobre potranno votare, versando 2 euro di sottoscrizione, coloro che si riconoscono nel pd: hanno diritto al voto tutti i maggiori di 16 anni, cittadini italiani e dell’unione europea residenti in italia nonchè gli immigrati che abbiano regolare permesso di soggiorno. Nel corso delle primarie saranno eletti il segretario e, contestualmente, attraverso le liste collegate, i mille componenti dell’assemblea nazionale.

Il fatto che alle primarie possano votare davvero tutti: donne, uomini, italiani, immigrati, chiunque abbia 16 anni ( e ci mancherebbe altro) e` un fatto di cui andare fieri, un fatto di cui noi democratici dovremmo poterci vantare. Ci dovremmo anche poter vantare di essere l’unico partito europeo a eleggere il segretario mediante le primarie, il che non vuole assolutamente svalutare il ruolo degli iscritti, vuole dire ampliare i propri orizzonti, vuol dire dimostrare di essere democratici, per davvero, per una volta  ed e` per questo che spero che l’elezione del segretario per mezzo delle primarie rimanga tale; la sensazione, a pelle, che io ho avuto e`, pero`, che il prossimo segretario verra` eletto da pochi iscritti, creando un distacco con l’elettorato che questo partito paghera` caro.

Dare la “sovranita`” dell’elezione del segretario a tutti non e` assolutamente un modo per sminuire l’enorme lavoro svolto degli iscritti, senza i quali i partito davvero non potrebbe andare avanti; tuttavia un iscritto vero non dovrebbe  farne una questione di gelosia, non dovrebbe volere un’elezione chiusa solo per vedersi riconosciuto il proprio lavoro (in molti casi, purtroppo, la sensazione che ho avuto e` stata questa), perche` sono tutti comportamenti che vanno a delegittimare il Partito Democratico: l’autodeterminazione all’interno del partito non si ottiene chiudendosi a conchiglia, ma si ottiene, se mai, lavorando bene, in sintonia, come, per altro, spesso succede.

Io posso essere d’accordo, anzi lo sono, che eleggere il segretario cittadino, o il coordinamento di un circolo con delle primarie sia perfettamente inutile, perche` il voto non e`, in molti casi, “consapevole”, ma il segretario lo eleggano il popolo italiano e gli immigrati regolari che vogliono partecipare alla vita politica di questo, oltre a tutti coloro che vogliono poter dire la loro sull’esperienza del Partito Democratico anche senza prendere una tessera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...