Grazie eh, no davvero…

Per colpa di questo idiota, veramente un idiota, noi ora dovremo sorbirci ulteriori controlli, ulteriori paranoie, body scanners e mica body scanners, file ancora piu` chilometriche, attese ancora piu` sconfortanti…  perche` alla fine il risultato sara` quello. Tanto piu` che alla fine, questo qui, ha introdotto del finto liquido esplosivo a bordo, allora sei  figo! Hai portato dell’acqua a bordo, mamma mia! Non e` che magari le guardie alla security hanno lasciato passare l’acqua perche` era acqua? Io dico, se vuoi fare il figo, “fare lo scoop”, fai qualcosa che abbia un’utlita`, che so, vai a vedere come stanno i bambini in Uganda, oppure fingiti membro di Scientology e assisti ai loro riti e poi raccontaci le schifezze che fanno, ma viaggiare su un aeroplano con un finto esplosivo a bordo, per il solo gusto di viaggiare su un aeroplano con un finto esplosivo a bordo e far conoscere al mondo una realta` piu` che nota, ovvero che non e` poi cosi` diffiicile farlo, e` davvero assurdo. Io rilancio una vecchia proposta di Bill Maher le “fly at your own risk airlaines”!

I wish someone would just start Fly At Your Own Risk Airlines. How ‘bout that? You can have your hair gel, you can have your lighter, you can have a fucking gun, how bout that? You can show up at the gate five minutes before the plane leaves, and pay in cash, like in the good ol’ 1980s. The ticket just says “shit happens” on the back, because that’s the way it is anyway.

3 thoughts on “Grazie eh, no davvero…

  1. Più che fare uno scoop a me sembra banale voglia di dimostrare ancora una volta l’inefficacia delle misure preventive adottate dall’uomo. Chissà perchè c’è sempre qualcuno che riesce a trovare una via di fuga e spesso è anche banale. Forse piuttosto che accusare questo tizio di aver reso evidente questa lacuna (nonostante i supertecnologici strumenti), dovresti ringraziarlo. Io preferisco 10 minuti di coda in più, piuttosto che saltare in aria in orario.

  2. A me fa quasi ridere, e basta.
    Quante stronzate.
    Ad ogni nuova tecnologia corrisponde una via di fuga precisa precisa; ci vuole solo un po’ di tempo a capirla, a crearla, a programmarla.
    Adesso con i body scanner per un po’ siamo a posto, tra poco verrà fuori qualcuno che ha portate su di un aereo un coltello della mensa e tornerà fuori il discorso.
    Inventeranno un nuovo mezzo super sicuro e via discorrendo.
    Secondo me non c’è niente da fare.
    Voliamo adesso che i body scanner funzionano.

  3. Le misure di sicurezza negli aeroporti sono notoriamente inefficaci, non hanno, infatti lo scopo di bloccare i malintenzionati (proprio perche`, quali che esse siano, non ne sarebbero in grado), ma per tranquillizzare il viaggiatore medio che crede, grazie ad uno scanner ed un metal detector di essere al sicuro. Ecco, siccome questa e` una cosa risaputa e siccome ogni qual volta che qualcuno viene beccato a fare qualcosa che non dovrebbe le misure vengono “inasprite”, con il solo risultato di allungare le code e non di aumentare la nostra sicurezza, io preferisco concludere questa messa in scena e tornare ai fantastici anni ’80, dove tu andavi in aeroporto dieci minuti prima della partenza del volo, compravi, in contanti magari e con la sola patente, un biglietto aereo per ovunque e poi ti fiondavi al gate senza controlli o esasperanti attese. Non mi pare che esplodessero aerei su basi quotidiane, negli anni ’80.🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...