Le Primarie per una citta` nuova

Il mio ultimo articolo per The Post Internazionale sulle primarie a Milano.

Le Primarie per una città nuova

di ELIA NIGRIS

MILANO – PER LA seconda volta nella storia politica milanese la decisione del candidato sindaco del centrosinistra verrà presa tramite elezioni primarie: domenica 14 novembre, Stefano Boeri, Valerio Onida, Giuliano Pisapia e Michele Sacerdoti si contenderanno la candidatura per diventare primo cittadino del capoluogo lombardo, andando a sfidare, a meno di clamorose sorprese, l’attuale sindaco, Letizia Moratti.

.

Quella della primarie per scegliere il candidato sindaco, ormai una prassi in molti altri paesi, in Italia e` novità quasi assoluta e, nelle sue (poche) edizioni precedenti, ha anche regalato qualche sorpresa, come a Firenze, dove il trentacinquenne Matteo Renzi ha sconfitto, poco più di anno fa, i candidati dell’establishment scelti dalle varie aree di partito ed e` poi diventato sindaco, vincendo anche contro il candidato del centrodestra. Anche a Milano l’obiettivo comune e dichiarato dei quattro sfidanti e` quello di sconfiggere Letizia Moratti, così, tutti i contendenti della sfida del 14 novembre, promettono di garantire reale sostegno a colui che uscirà vincente dai gazebo; inoltre la possibilità di un cambiamento alla guida di Palazzo Marino e` tutt’altro che da escludere, pur in una città notoriamente berlusconiana. […]

Per continuare a leggere clicca qui.

 

 

2 thoughts on “Le Primarie per una citta` nuova

  1. Dichiarazioni di Gad Lerner, 24 ottobre.”Il Partito Democratico milanese commetterà un errore politico che rischia di avere gravi ripercussioni sul suo futuro, se insisterà a negare l’indirizzario dei votanti alle primarie del 2009, di cui gli fanno richiesta Valerio Onida, Giuliano Pisapia e Michele Sacerdoti. Chi sono? Sono i concorrenti al ruolo di candidato sindaco del centrosinistra a Milano, che competono con Stefano Boeri, il preferito dal gruppo dirigente del Pd.
    Discutibile ma legittimo che il gruppo dirigente del Pd s’impegni esplicitamente per Boeri. Ma i 65 mila indirizzi che nega agli altri concorrenti non sono certo di persone iscritte al partito, bensì di cittadini interessati al successo del centrosinistra oltre che del Pd stesso. Forse Filippo Penati, Maurizio Martina e gli altri dirigenti Pd temono i buoni argomenti con cui Onida, Pisapia e Michele Sacerdoti potrebbero far breccia tra gli elettori di centrosinistra?
    Personalmente sono un iscritto al Pd che preferisce Giuliano Pisapia a Stefano Boeri, considerando più adatto Pisapia a guidare la sfida alla destra milanese e più in grado di amministrare bene una città afflitta da illegalità e ingiustizie. Come me, so che tantissimi iscritti al Pd voteranno Pisapia e non Boeri il prossimo 14 novembre alle primarie. Il meccanismo stesso delle primarie contraddice un’inverosimile pretesa di disciplina di partito.
    Capisco che dopo aver compiuto una scelta imprudente i dirigenti del Pd milanese temano di contribuire alla propria delegittimazione pubblica. Ma consiglio loro di recedere da questa inutile prepotenza con cui tentano di favorire un candidato rispetto agli altri. Perchè il futuro del Pd non ha nulla da temere da una prova di democrazia, quand’anche smentisca quel gruppo dirigente già più volte sconfitto. Mentre il loro arroccamento rischia di causare al partito danni ben peggiori.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...