Hanno Ragione

Pippo Civati e Carlo Monguzzi spiegano il perche` del loro sostegno a Stefano Boeri, per le primarie di Milano ed io sono con loro.

Mai come in questa occasione la vittoria per ridare a Milano un governo capace di risolvere i problemi della gente, anche quelli più spinosi e difficili come la crisi che ancora morde o l’integrazione, è stata così a portata di mano. Per tutto il centrosinistra è un’occasione formidabile per rottamare le sconfitte, che in questi anni hanno permesso a una destra ottusa e provinciale di governare Milano, privando la città di un futuro degno della sua storia, al passo con Berlino, Parigi, Londra, e relegandola a città “provinciale”, chiusa dentro i suoi stretti confini.
La competizione tra quattro candidati alle primarie del centrosinistra ha rappresentato e rappresenta una risorsa formidabile che ha messo in moto una straordinaria partecipazione, tanto che a queste consultazioni potremmo registrare il record di votanti e questo sarebbe già di per se un risultato molto positivo, che darebbe una grande spinta in vista delle elezioni di primavera, chiunque sarà il vincitore.
Il centrosinistra è stato in grado di mettere in campo quattro persone autorevoli e perbene, appassionate, non appiattite su posizioni di partito ma creative e propositive, che hanno dato tutto in questa campagna per le primarie e che farebbero altrettanto se dovessero sfidare la Moratti.
Noi abbiamo deciso di sostenere Stefano Boeri, perché ci sembra quello più in grado di raccogliere le tante forze presenti a Milano per sconfiggere l’oscurantismo del centrodestra, Lega Nord compresa, e della Moratti. Ci sembra il candidato più fresco, più adatto a dare gambe con proposte innovative all’idea di una città aperta e sostenibile, che affronta i problemi coinvolgendo i comuni che gravitano intorno al capoluogo e capace di promuovere una buona integrazione: la tavolata di Viale Padova è stata un’iniziativa formidabile, anche dal punto di vista simbolico, perché oltre ad aver dato un’idea diversissima di come si può contribuire a risolvere il problema della sicurezza, ha fatto vedere chiaramente che una città multietnica, civile e concorde, è più che possibile.
Crediamo che Stefano possa anche dare gambe alle idee di tanti giovani che aspettano non che qualcuno li imbocchi dall’alto ma che una squadra sia in grado di offrire loro l’assist che attendono da tempo per costruirsi una vita dignitosa, con un lavoro più certo che incerto e la possibilità di trovare una casa a prezzi accessibili, anche per metter su famiglia. Milano può offrire tanto ma fino ad ora non lo ha fatto.
Sicuramente tutti i candidati darebbero il massimo e, stando nel centrosinistra, hanno idee e proposte che vanno nella stessa direzione. La nostra è però una scelta che guarda al futuro, perché per rimettere in sesto Milano nell’interesse dei tanti che nonostante tutto ancora la amano, non solo chi vi risiede ma anche chi ogni giorno viene per studiare e lavorare, servono visione e progetti che guardino non alla prossima scadenza elettorale ma al 2020 almeno. Bisogna andare oltre, insomma. Ma prima, bisogna finalmente rottamare le sconfitte. Tutti insieme.

Giuseppe Civati, consigliere regionale Pd, e Carlo Monguzzi, Pd Milano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...