Facebook si vergogna

Come dice un ottimo articolo del New York Times, Facebook, che ha avuto un ruolo fondamentale nelle recenti rivolte in Tunisia ed Egitto, “si vergogna” di questo ruolo.

Mentre Twitter e YouTube (che e` di Google), hanno attivamente rivendicato la loro posizione nelle battaglie per libertà e democrazia (non solo oggi, ma anche in Iran, per esempio), Facebook ha deciso di lasciar passare questo fatto, perlomeno, inosservato.

La scelta sarebbe dettata dal fatto che le massime sfere del social network temono che un “endorsement diretto” a coloro che protestano potrebbe suscitare una sorta di effetto a catena in altri paesi che, proprio per il timore di un effetto domino, potrebbero arrivare a limitare l’accesso alla rete e a FB per i propri cittadini, cosa che sarebbe negativa per le popolazioni di quei paesi e per Facebook stesso che ne perderebbe il business.

In ogni caso leggetevi l’articolo del NYT.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...