Ecco cosa fanno nei paesi intelligenti

Nei paesi che funzionano, il bipolarismo e` una richiesta che viene dal basso. Nei paesi che funzionano, le coalizioni sono viste malissimo, perché, per quanto affini, partiti diversi non potranno mai avere una linea comune su tutto e, come spesso e` accaduto da noi, neanche su molto o neppure su qualcosa. Spesso le nostre coalizioni litigano su ogni cosa e spesso i rapporti tra i partiti delle stesse sono mossi solo da mere logiche di “do ut des”.

Ecco, in Gran Bretagna e` stata sonoramente bocciata la proposta di Nick Clegg di passare ad un sistema elettorale “più proporzionale” e “meno maggioritario”, mediante un voto di referendum.  E` stata bocciata, fondamentalmente, la proposta di passare ad un sistema elettorale che avrebbe portato ad una rosa partitica più ambia e avrebbe reso più difficile governare. Nei paesi responsabili e` cosi`: governabilità davanti a tutto.

Concludo ricordando che il maggioritario e` l’unico sistema elettorale in grado di garantire un controllo vero delle persone sui propri rappresentanti, proprio perché i rappresentanti devono portare avanti le istanze delle loro piccole circoscrizioni. La mia convinzione, quindi, e` che un maggioritario che funziona, vale più di ogni proposta di federalismo.

Dico questo, perché continuo ad auspicare che anche da noi il PD ritorni a proporre un’idea di un sistema politico bipolare, basato su un maggioritario forte. Mi piacerebbe anche poter essere un giorno davvero indipendenti: vorrei smetterla, prima o poi, di discutere su chi sia meglio tra Fini e Vendola, Casini e Di Pietro, perché tra tutti loro, onestamente, preferisco non dover scegliere. Preferisco il Partito Democratico e i suoi rappresentanti.

Annunci

4 thoughts on “Ecco cosa fanno nei paesi intelligenti

  1. Studi sul rendimento macroeconomico e sul controllo della violenza fra i paesi a governo Westminster e consensuale dimostrano che i paesi maggioritari rendono meno rispetto ai secondi. Arendt Lijhpart lo spiega benissimo nel suo libro “Ledemocrazie contemporanee” in cui smonta questo luogo comune. Riprova del fatto è che uno dei paesi più maggioritari (la Nuova Zelanda) ora vota con il proporzionale e in Uk si sa come sta andando.

  2. Pingback: Contro le coalizioni, contro le preferenze, contro l’alternanza | DemSpeaking

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...